UN FIORE, UN RICORDO

La primavera quest’anno sembra alle porte con un po’ di anticipo, e qualche fiore inizia a spuntare nei prati. Io son già andata al vivaio e ho comprato alcune viole coltivate in serra, ma spero che presto fioriscano anche le Violette di Parma che mi sono state donate, prima dell’inverno, dalle volontarie dell’Orto botanico.

Per noi parmigiani la Violetta di Parma è inevitabilmente legata alla figura della duchessa Maria Luigia, però forse non molti sanno il perché; i motivi sono tanti e di varia natura, quello su cui mi vorrei soffermare oggi è il tema del ricordo.

La viola per Maria Luigia, in particolare la viola del pensiero, era il fiore che era solita raccogliere con i figli, nei pomeriggi di svago trascorsi nel giardino che si trovava tra il Palazzo Ducale e la residenza di Albertina e Guglielmo, all’ombra di quel muro che li separava dagli occhi indiscreti dei Parmigiani.

Maria Luigia amava inoltre raccogliere fiori durante i suoi viaggi e inserirli tra le pagine dei diari, come dei piccoli souvenir.

Così anche Albertina aveva assunto l’abitudine di raccogliere fiori e li spedirli alla mamma, per ricordare quelle dolci giornate passate insieme. Come la madre, Albertina aveva inoltre l’abitudine di collezionare i fiori, raccolti durante la passeggiate, in un erbario (oggi conservato presso l’Orto Botanico di Parma), annotando il giorno e il tipo di fiore colto. L’erbario di Albertina non ha alcun valore dal punto di vista botanico, le informazioni fornite sono infatti vaghe, ma grande è il sui valore affettivo.

Oggi vorrei invitare tutti a prendersi un po’ di tempo per raccogliere un fiore, da disseccare tra le pagine di un libro, magari quello che stiamo leggendo in questo momento; quando lo ritroveremo, tornerà alla mente questo periodo, un po’ triste, ma durante il quale stiamo imparando ad apprezzare le cose semplici.

“Mille e mille ringraziamenti, cara bambina, […] sopra tutto per la viola del pensiero che mi mandate e che figurerà essa pure nel libro ove io dissecco i fiori che mi richiamano ricordi cari”.

Lettera di Maria Luigia alla figlia Albertina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: